OGGI 20 SETTEMBRE 2019

Maltempo nella notte in Toscana: particolarmente colpita la parte meridionale della provincia di Grosseto, dove si sono registrate alcune frane e strade allagate.
A causa del cedimento di un terrapieno, una persona è stata evacuata in via precauzionale sul Monte Argentario una persona e’ stata evacuata per sicurezza vicino all’ingresso della sua abitazione. I vigili del fuoco sono stati impegnati anche a Pitigliano, Manciano e Capalbio. Nell’area sono caduti fino a 153 mm d’acqua in poche ore.

E’ ora di salutare l’Estate 2019: oggi, 23 settembre, l’Equinozio spalanca le porte della Stagione Autunnale. L’equinozio “cade alle 9:50, ora italiana. Sarà salutato da un transito sulle Alpi della Stazione Spaziale, visibile per alcuni minuti all’incirca dalle 20:37. Se nel corso della prima metà di settembre la Iss è stata, infatti, visibile in orari scomodi, alle 4 o alle 5 del mattino, nella seconda metà del mese non mancheranno occasioni per ammirarne alcuni luminosi passaggi la sera,” spiega l’Unione Astrofili Italiani. Finita l’estate precisa l’UAI, le serate di settembre sono un ottimo periodo “per osservare le stelle cadenti, dato che le notti iniziano ad allungarsi e il numero di meteore sporadiche, che si sommano a quelle degli sciami, raggiunge nel nostro emisfero il massimo annuale. In questo periodo il punto nello spazio verso cui la Terra si muove è più alto in cielo, e alle nostre latitudini l’atmosfera è investita da una quantità maggiore di particelle meteoriche. Tanto che possiamo osservarne in un’ora 10-20?.

“In Mustang, regione del Nepal, i cambiamenti climatici stanno assumendo tratti davvero drammatici con intere popolazioni e villaggi costretti a spostarsi per mancanza di acqua. Noi saremo lì per documentare tutto questo. Percorreremo ben 133 Km a piedi attraversando i villaggi. Il nostro è un team multidisciplinare, tutto italiano. Si tratta di un’”esperienza-pilota”, la prima di un progetto più ampio, chiamato simbolicamente “Sulla via del Dolpo”, creato con lo scopo di intraprendere una serie di viaggi verso zone del pianeta che rischiano di “scomparire”, minacciate da cambiamenti ambientali. La nostra sarà una spedizione senza bottigliette di plastica. Con noi abbiamo portato un filtro che servirà per depurare l’acqua dalle sorgenti”. Lo ha dichiarato Mauro Cappelletti, Guida Ambientale Escursionistica dell’AIGAE, caposquadra della spedizione. Ora il team italiano, multidisciplinare, è arrivato a Kathmandu dove resterà fino al 26 sera. Il 27 Settembre mattina tutti si incammineranno con i 3 portatori, verso la regione del Mustang. L’attraversata a piedi dovrebbe durare 12 giorni percorrendo 133 Km.