NOTIZIE DI OGGI 16 SETTEMBRE 2019

— Gli insorti yemeniti Huthi, ritenuti vicini all’Iran, che hanno rivendicato gli attacchi alle installazioni petrolifere saudite di sabato scorso, avvertono le compagnie petrolifere straniere e i loro dipendenti di “stare lontani dalle raffinerie di Abqaiq e Khurais”, affermando che tali obiettivi sono ancora nel loro mirino. La perdita di produzione per l’attacco agli impianti di Saudi Aramco, in Arabia Saudita, rappresenta il più grande danno determinato da un singolo evento per i mercati petroliferi. La perdita di 5,7 milioni di barili al giorno.

— Lo Stato del Parà, il secondo più grande dell’Amazzonia brasiliana, ha richiesto il sostegno dell’esercito per combattere un incendio apparentemente doloso in una riserva ambientale, dove vigili del fuoco e gruppi di volontari non riescono a domare il rogo. Vista l’entità dell’incendio nella riserva di Alter do Chao, il governatore locale Helder Barbalho ha chiesto al governo del presidente Jair Bolsonaro di inviare soldati della Zona Militare del Nord e truppe della Forza nazionale di pubblica sicurezza. Le fiamme sono divampate la notte scorsa a causa di un possibile incendio doloso, ha dichiarato il sindaco di Santarem, Nelio Aguiar.

“Pensiamo” che i centri di detenzione per i migranti in Libia “debbano essere chiusi e lavoriamo in modo attivo per questo”: così una portavoce della Commissione europea ribadisce la posizione dell’Unione.
Quanto all’operazione Sophia, la portavoce ricorda che il mandato della missione nell’addestrare la guardia costiera libica è quello di “salvare vite in mare e lottare contro i trafficanti”, con una forte componente sul “rispetto dei diritti umani”.

— “Un avamposto di civiltà” che mancava ad Ancona e che sarà al servizio di tutta la fascia adriatica per le persone affette da malattie neuromuscolari e per famiglie e associazioni che li assistono. Le parole del direttore generale degli Ospedali Riuniti di Ancona Michele Caporossi definiscono il nuovo centro clinico NeMo che verrà predisposto al quinto piano entro febbraio 2020: un team multidisciplinare prenderà in carico “globale” persone con malattie come Sclerosi laterale amiotrofica, Atrofia muscolare spinale o distrofie muscolari, gravemente invalidanti e con percorsi di assistenza e cura complessi.

— Le Associazioni ambientaliste e animaliste delle Marche sporgeranno denuncia contro ignoti e offriranno una ricompensa di mille euro a chi fornirà indicazioni per risalire al cacciatore che ha ferito gravemente un rarissimo esemplare di falco pescatore vicino a Pianello Vallesina (Ancona), al confine della Riserva Naturale di Ripa Bianca di Jesi (Ancona). L’animale è stato soccorso e portato al Centro di recupero animali selvatici delle Marche, dove i veterinari lo hanno sottoposto alle cure del caso: è stato colpito da una rosa di pallini da caccia che gli hanno procurato la rottura di un’ala e gravi ferite ad un occhio. Le sue condizioni restano molto serie. Visti i danni riportati, anche se dovesse sopravvivere, il rapace non potrà più essere rilasciato in natura. Grazie cacciatori, esseri immondi, sparatevi al vostro di uccello che non fate alcun danno….

— La perdita di produzione per l’attacco agli impianti di Saudi Aramco, in Arabia Saudita, rappresenta il più grande danno determinato da un singolo evento per i mercati petroliferi. Lo riporta Bloomberg. La perdita di 5,7 milioni di barili al giorno, il 5% della produzione mondiale, è superiore a quella nel 1979 con la rivoluzione iraniana e nel 1990 con l’invasione del Kuwait. Intanto Teheran respinge le accuse Usa: ‘sono infondate, con l’attacco non c’entriamo’. Il petrolio avanza e le borse aprono in calo, ma volano i titoli del greggio.

Un neonato di 4 mesi è stato trovato morto in un fossato lungo al statale Telesina, all’altezza di Solopaca, nel Beneventano. Secondo i carabinieri, una donna di 34 anni – probabilmente la madre – dopo aver urtato con l’auto il guardrail si sarebbe fermata e avrebbe lanciato il neonato nella scarpata. Poi sarebbe scesa nel dirupo e lo avrebbe colpito a bastonate. L’allontanamento della donna, insieme con il piccolo, era stato denunciato qualche ora prima dal convivente nell’Avellinese. La donna è piantonata in ospedale.

— E’ in buona salute il mercato dei dispositivi hi-tech che si portano al polso. Nel secondo trimestre smartwatch, orologi “basic” e bracciali da fitness hanno riportato consegne globali in crescita del 28,8% su base annua, a quota 34,2 milioni di unità. A dirlo sono gli analisti di Idc, che descrivono un consolidamento del settore: le prime cinque aziende mondiali – Xiaomi, Apple, Huawei, Fitbit e Samsung -detengono il 65,7% del mercato, 12 punti in più rispetto al pari periodo del 2018.

— La Dda di Palermo ha disposto il fermo a Messina di tre persone accusate di sequestro di persona, tratta di esseri umani e tortura. Avrebbero trattenuto in un campo di prigionia libico decine di profughi pronti a partire per l’Italia. Testimoni che li hanno identificati hanno raccontato di essere stati torturati, picchiati e di aver visto morire compagni di prigionia. I tre gestivano per conto di una organizzazione criminale un campo di prigionia a Zawyia, in Libia, dove i profughi pronti a partire per l’Italia venivano tenuti sotto sequestro e rilasciati solo dopo il pagamento di un riscatto.