KEPLERO 30 Aprile 2018

Sulla base degli ultimi aggiornamenti dei modelli, nel corso della settimana prossima dovremmo assistere quindi a condizioni meteo molto instabili, in particolare nel periodo compreso fra 1-5 Maggio. E previsto l’isolamento di vero e proprio vortice ciclonico profondo 995hPa tra il medio e basso versante tirrenico, dove per diversi giorni specie nelle ore pomeridiane alimenterà violenti temporali. La regione più colpita dai nubifragi sarà la Sardegna, a partire da domani 1 Maggio infatti verrà flagellata da intense bombe d’acqua, non escludiamo il rischio di alluvioni lampo, a seguire i fenomeni si sposteranno su Toscana, Umbria ed alto Lazio con piogge e rovesci temporaleschi. Il maltempo si protarrà per tutta la settimana. Successivamente tra Mercoledì 2 e Giovedì 3 Maggio il vortice ciclonico tenderà poi a risalire verso il medio/alto Tirreno determinando una fase di forte maltempo su tutta l’Italia, eccezion fatta per le regioni Adriatiche che risulteranno meno esposte, ma i fenomeni non mancheranno seppur in modo irregolare.

I ricercatori dell’Università Curtin di Perth hanno annunciato sulla rivista Pacific Conservation Biology che è morto a causa di una puntura di vespa il ragno più anziano al mondo: si tratta di un esemplare femmina di 43 anni di Gaius villous, scoperta nel 1974 nell’Australia sud-occidentale, nella riserva di North Bangulla. Il Gaius villosus ha un morso non mortale per l’uomo, solo molto doloroso: vive in buchi nel terreno chiusi con ragnatele, e ne esce di scatto per catturare le sue prede.

1279 – Due forti terremoti danneggiano gravemente l’appennino umbro-marchigiano e quello tosco-emiliano
1944 – Un bombardamento aereo colpisce il Teatro Municipale e il quartiere popolare Cristo, ad Alessandria, causando 239 morti
1993 – Il CERN annuncia che il World Wide Web sarà gratis per tutti.

Ad Ancona alle 13 era nuvoloso con con vento moderato – forte da Ovest fino a 35-40km/h, visibilità buona e mare mosso.

E’ il sosia della plastica, la nuova sostanza robusta e resistente sintetizzata in laboratorio e che può essere riutilizzata infinite volte, trasformando radicalmente l’attuale concetto di riciclo. Descritta sulla rivista Science, è stata ottenuta negli Stati Uniti, nel dipartimento di Chimica dell’Università del Colorado. E’ ancora presto per quantificare il costo, ma il gruppo di ricerca guidato da Eugene Chen ritiene che in futuro la nuova sostanza sarà perfettamente in grado di competere con la tradizionale plastica. “In linea di principio il nuovo materiale può essere riutilizzato infinite volte”, ha detto Chen.