KEPLERO 02 Maggio 2018

La neve sta imbiancando la Normandia a causa del condizioni meteorologiche fredde che stanno colpendo la Francia e che hanno cancellato in un lampo l’ondata di caldo. Dai pantaloncini della scorsa settimana alle palle di neve di oggi: ecco la sintesi del tempo estremo che la Francia sta vivendo in questa primavera. Dopo un marzo eccezionalmente freddo, l’Esagono ha avuto uno dei suoi mesi di aprile più caldi di sempre, secondo le autorità nazionali. Questo fino ad oggi, quando le temperature sono scese verso lo zero in parti della Francia settentrionale. La neve ha colpito aree poco elevate intorno alla città di Rouen (Normandia) e inondazioni e forti venti hanno minacciato le regioni del nord e della costa atlantica. Si prevede che le temperature aumentino leggermente in tutto il Paese. I vigili del fuoco sono stati impegnati a rimuovere l’acqua dagli appartamenti e a liberare i tunnel stradali allagati dopo che una tempesta si è abbattuta su parti della Germania occidentale durante la scorsa notte. La regione di Aquisgrana è stata la più colpita, con i servizi di emergenza inondati da centinaia di chiamate. La polizia di Aquisgrana ha dichiarato che nessuno è rimasto ferito nella tempesta. Anche il Belgio e il Lussemburgo sono stati colpiti da forti piogge e grandine, condizioni osservate più spesso in estate che in primavera. Gli ultimi giorni sono stati caratterizzati da un caldo fuori stagione in molte parti dell’Europa occidentale. La tempesta si muoverà ora verso la Danimarca.

A causa delle inondazioni che hanno investito la località di Belet Uen, nella Somalia centrale, le truppe della Missione dell’Unione africana in Somalia hanno proceduto all’evacuazione di oltre 10 mila persone. La scorsa settimana il ministero somalo per gli Affari umanitari e la gestione dei disastri ha messo a disposizione 4,5 tonnellate di aiuti in risposta alle epidemie di colera e malaria che ha colpito la città.

E’ tutto pronto in California per il lancio della missione InSight (Interior Exploration using Seismic Investigations, Geodesy and Heat Transport), in programma il 5 maggio prossimo alle 13:05 ora italiana.
InSight partirà dalla Vandenberg Air Force Base e viaggerà a bordo di un razzo Atlas V-401 della United Launch Alliance: arriverà a destinazione dopo circa 6 mesi di viaggio. L’ammartaggio del lander (largo circa 6 metri e dotato di pannelli solari) è previsto il 26 novembre prossimo nel sito Elysium Planitia. Qualche settimana dopo l’ammartaggio InSight attiverà il braccio robotico e gli strumenti scientifici, tra cui il sismometro francese Seis e la sonda termometrica tedesca HP3. La missione della NASA ha lo scopo di raccogliere informazioni sul sottosuolo del Pianeta Rosso, misurandone temperatura, oscillazioni, per sviluppare una mappa delle profondità di Marte.

1933 – Viene riportato il primo avvistamento moderno del mostro di Loch Ness

Ad Ancona oggi il cielo è nuvoloso a tratti molto nuvoloso, la temperatura alle 13 segnava 18 gradi alla nostra stazione di Colleverde mentre 16 gradi ad Ancona Porto. Il vento è debole da Ovest il mare è poco mosso e la visibilità è buona.

Sono 5 giorni che il Sole non possiede macchie solari gli unici brillamenti sono di classe A3 e il vento solare soffia a 378km/sec. Situazione di statica assoluta sulla nostra stella con una radiazione elettromagnetica di 69sfu, che non porta affatto bene per la propagazione delle HF.  Il bollettino completo su SOLARIS

Hits: 12